Iran

Iran, travelling with locals

Good morning, Monday is always such a difficult day but we’ll travel the world with a little imagination. Today, we’ll fly to Iran with the story of Lucas, former Erasmus student now intern in Torino, who came in the radio show some weeks ago (if you didn’t know Globetrotter Türinèis Radio Show is on air every Monday at 6 pm and you can listen the streaming from here). Lucas’s podcast here. The tag/label ”Bright People Room” is officially open on this blog with this story written by Lucas, this is the space dedicated to people who are smart, brilliant and who did something really special to talk about and to get curious.
[English version below]

Buongiorno, lunedì è una giornata difficile ma cerchiamo di alleggerirla viaggiando per il mondo, almeno con il pensiero. E oggi la nostra mente vola in Iran con il racconto di Lucas, ex studente Erasmus oggi stagista a Torino, che ho avuto il piacere di intervistare nel programma radio qualche settimana fa (per chi non lo sapesse Globetrotter Türinèis Radio Show va in onda ogni lunedì alle h 18 e potete ascoltarlo in streaming direttamente da qui). Qui il podcast. Con la storia scritta da Lucas apriamo anche ufficialmente lo spazio dedicato alle persone brillanti ”Bright People Room” , un potpourri di persone che hanno fatto, creato, viaggiato, sperimentato qualcosa speciale e hanno voglia di condividere la loro esperienza per incuriosirci e stimolarci.
[la versione italiana la trovate subito sotto quella inglese]

1

4

[English version]

Tell your friends that you are going on vacation in Iran is the best way to hear “But are you crazy?” “No way, you’re kidding”, “Do you want to die?” or “They won’t let you come back”. This article has been written for several reasons: to change mindset from prejudices, to stimulate other travellers to go and to discover this amazing country and last but not least also for my Iranian friends and young Iranians who wish to be part of the current world. The country suffers of a degraded image while it is the land of one of the oldest civilizations and where lives a population considered as one of the most hospitable, friendly and warm in the world.

Before leaving, besides the visa and insurance documents, it is necessary to learn about the country, its use, its customs and about its rules.

Iran in these last forty years went through many changes; a revolution led by Islamic leaders, a bloody war with nearby Iraq, two political/religious leaders and various presidents followed one another. Since the revolution Iran is an Islamic Republic, religion is at the head of the power of the law. Censorship is very strong in all media (radio, television, newspapers, Internet even cinemas), alcohol is completely forbidden and the veil is compulsory in all the country for Iranian (religious or not) and for the foreign tourists also. A religious police controls clothing of women and behaviours of people in the public spaces.  As information, the current president, Hassan Rouhani, wishes to relieve this control and give more indulgence on this subject. Since 2013, this elected man try to calm tensions with the West and to make accept the country on the international stage in order to improve economy.

The Persian culture is different from the Arab culture and Iranians like underlining it. Although both nations are predominantly Muslim, Islam is mainly Sunni in the Arab world and it’s mainly Shiite in Iran which entrained different cultures as for example the absence of the integral veil (Niqab and Bourqa) in Iran.

We can consider that Iran has two facets, the Ancient Persia and of the Modern Iran. It is necessary to distinguish them in order to know how to discover these two faces.

The first face can be discovered throughout the 17 World Heritage Site declared by UNESCO, the 51 sites on the Tentative List of UNESCO, for a total of more than 200 monuments and museums rich of history. The country is also rich in traditions, cultures and with a delicious gastronomy based mostly on a fine, refined and flavoured rice.

The major tourist cities are Tehran (which is the capital with more than 8 million inhabitants) Isfahan and Shiraz. Tehran is “the modern city of the country” its symbol is the Milad Tower and it’s been the country’s capital for around 200 years, the city has the National Archaeological and Golestan Palace. Isfahan blow you away with its ancient mosques, its public squares and the Persian Gardens. As for Shiraz, you will discover the Citadel and many monuments. You can find 50 km far from the city, the Achaemenid dynasty city of Persepolis, founded in 500 BC will just let you speechless.

It is nice to go to discover also smaller cities such as Kashan and Yazd, which are towns in the desert where you will find old houses with beautiful and particular architecture. The region in the north of the country, Gilan, is the country’s green parte. You will find tea plantations, rice, and the Caspian Sea where swimming is possible even if it’s complex for women. In the north, Masouleh, a tourist village located on the side of a wooded hill, very unique due to the absence of cars and its urban planning. Indeed, streets are on the roofs of houses.

In all cities, the antique Bazard will amaze you by their high activity, their colors, smells and diversity of products offered at attractive prices. Spices, traditional handicrafts, tissues and the famous Persian handmade carpets.

Cheap buses assure transportation between cities. Between Tehran and Isfahan for example, the distance is of 500 km, it is advisable to get informed previously by reading guides books, forums of travellers or in a travel agency. Cause of the embargo and international restrictions on business, domestic flights by aircraft are not recommended. In the cities, buses and subways work well; however, taxis are cheaper and are among the best transport for tourists.

The foreign credit cards are not usable so you’ll need cash. Regarding the changes, it is good to do it upon arrival at the airport or in banks in order not to participate on the black market. 1 Euro is about 35000 Rial.

Although currently undervalued, museums are accessible, adorned with rich collections, accessible and cost around 150 000 Rls = 4€. The cost of life according to tourists is low. A classic lunch will be less than 5€ and going to a high level restaurant (recommended by locals) the price per person will not exceed €15. However, for Iranians, the cost of living is high because salaries are usually between 50€ and 300€.

To discover the Modern Iran, you must think outside the box and meet Iranians. You will experience the enormous difference that exists between government and population. This difference is at all levels: ideology, values, conditions of the women and point of view on the West. People behave in a different way at home, in parties or in a place without police. The population is very warm, respectful of differences, welcoming and looking for knowing the foreigners. That is why, to accommodate, you can opt for bed & breakfast, which remains the best solution to meet easily people. You can also choose one on the various hotels which usually propose good services at affordable prices in all cities.

14576 is the number of offer that you can find on the couch surfing website in Tehran. Try the experience of “living with inhabitant’s” will be one of the best ways to know Iranians, to discover the real Iran and the Iranian tradition of hospitality.

It seems that a good traveller have to go to Iran, such as a good Muslim have to go to Mecca.

To Saeideh, Samereh, Shahin and their family and friends

written and photos by Lucas

3

9

[Versione italiana]

Avvisare i tuoi amici che andrai in Iran per una vacanza è il modo migliore per sentirsi dire :”Ma sei pazzo?”, “No, scherzi vero?”, “Vuoi morire?” o “Non ti lasceranno uscire dal Paese”! Questo articolo ha una serie di motivi d’essere: cambiare i pregiudizi sull’Iran, far venir voglia a tutti i viaggiatori di andare a scoprire quanto meraviglioso sia questo Paese, ma è stato scritto anche per i miei amici iraniani e i giovani iraniani che desidererebbero appartenere in modo totale al mondo di oggi. L’Iran soffre di un’immagine degradata mentre invece è soprattutto la terra di una delle più antiche civiltà della storia ed è il luogo di vita di una popolazione considerata come una delle più cordiali e ospitali al mondo.

Prima di partire, oltre al visto, è necessario conoscere il Paese, i suoi usi e costumi, nonché le sue regole.

L’Iran ha vissuto molti cambiamenti soprattutto negli ultimi 40 anni: una rivoluzione guidata dai religiosi islamici, una guerra sanguinosa contro l’Iraq, la successione di due leader politici e vari presidenti che si sono succeduti. Dopo la rivoluzione, l’Iran dei Shah è diventata la Repubblica Islamica d’Iran in cui la religione è alla base del potere e della legge. La censura è molto forte in tutti i media (radio, televisione, giornali, Internet e anche nel cinema); l’alcol è vietato, e il velo è obbligatorio nel Paese (per religiosi o no) e anche per i turisti stranieri. L’abbigliamento delle donne e il comportamento della popolazione è controllato nei luoghi pubblici da una polizia religiosa, però l’attuale presidente Hassan Rouhani, vuole ridurre questo controllo e concedere maggiore indulgenza su questi punti. Dal 2013, questo presidente eletto cerca di rappacificare le tensioni con l’Occidente, di fare accettare il Paese sulla scena internazionale e di sanare l’economia che è fortemente danneggiata.

La cultura Persiana è diversa da quella Araba e gli Iraniani amano sottolinearlo, anche se entrambe le nazioni sono a maggioranza musulmana, nel mondo arabo l’Islam è principalmente Sunnita invece è prevalentemente Sciita in Iran. Questo fatto crea delle divergenze culturali come per esempio l’assenza, in Iran, del velo integrale (niqab e burqa).

Possiamo anche considerare che l’Iran ha due facce di una stessa medaglia: l’Iran dell’antica Persia e l’Iran moderno. È necessario distinguerle per saper come scoprire queste due facce.

La prima faccia viene scoperta attraverso i 17 siti dichiarati patrimonio dell’umanità, i 51 siti nella Lista propositiva (Tentative List) dell’UNESCO per un totale di più di 200 monumenti e musei ricchi di storia. Il paese è anche ricco di tradizioni, culture e di una gastronomia basata prevalentemente su un riso sottile, raffinato e aromatizzato. Le principali città turistiche sono Teheran (che è la capitale con oltre 8 milioni di abitanti), Isfahan e Shiraz. Teheran è “la città moderna del Paese” e il suo simbolo di modernità é la Milad Tower: essendo la capitale del paese da circa 200 anni, la città ospita il Museo Nazionale di Archeologia e il palazzo Golestan. Isfahan vi stupirà con le sue antiche moschee, le sue piazze pubbliche e i suoi giardini persiani. Quanto a Shiraz, potrete scoprire la cittadella e molti monumenti antichi. Andando a 50 km Nord-Est, scoprirete la città della dinastia Achemenide e Persepolis, fondata nel 500 a.C. che vi lascerà senza parole.

È anche molto interessante recarsi e visitare città più piccole come Kashan e Yazd, che sono nel deserto. La zona a nord, Gilan, è il granaio del paese. Troverete piantagioni di tè, di riso e il Mar Caspio, dove il bagno è possibile, anche se complicato per le donne. Al nord potete andare a scoprire la piccola località turistica, Masouleh, situata sul fianco di una collina boscosa: è unica perché non ci sono automobili e perché le vie sono sui tetti delle case situate sotto.

In tutte le città, troverete stupendi bazard antichi con le loro attività frenetiche, i loro colori, gli odori e la diversità dei prodotti offerti a prezzi ragionevoli. Spezie, artigianato tradizionale, tessuti e i famosi tappeti persiani, per la maggior parte, fatti a mano.

I trasporti tra le città sono assicurati da autobus a basso costo. Tra Teheran e Isfahan per esempio, la distanza è di 500 km quindi dovete informarvi prima tramite delle guide turistiche, dei forum di viaggiatori o agenzia di viaggi. A causa dell’embargo e delle restrizioni internazionali sul commercio, i voli interni non sono raccomandati. Nelle città, gli autobus e le metropolitane funzionano bene ed i taxi sono economici e tra i migliori mezzi di trasporto.

Le carte di credito straniere non possono essere utilizzate quindi avrete bisogno di contanti. Per il cambio meglio eseguirlo all’arrivo in aeroporto o nelle banche, per non alimentare il mercato nero. Un euro vale circa 35000 Rial.

Anche se attualmente i musei sono poco valorizzati, sono costituiti da collezioni preziose e uniche al mondo: il costo d’ingresso per un biglietto varia tra Rls 150.000 e Rls 500.000 (tra € 4 e € 14 per il più costoso). In generale, il costo della vita è veramente basso secondo i turisti. Il pranzo classico tradizionale costa  meno di 5€ e andando in un ristorante di alto livello (consigliato da locali) la spesa per persona non supererà i 15€. Per gli Iraniani, il costo della vita e veramente altissimo perché gli stipendi sono generalmente compresi tra i 50€ e i 300€.

Per scoprire l’Iran moderno, bisogna uscire dai luoghi classici, incontrare  iraniani e vedere l’enorme differenza che esiste tra il governo e la popolazione, questa differenza è riscontrabile a diversi i livelli: ideologia, valori, condizione delle donne e anche sull’Occidente. Le persone si comportano in un modo diverso a casa, durante le serate o nei luoghi senza polizia. La popolazione è rispettosa delle differenze, calda, accogliente, sempre alla ricerca di conoscere, stringere legami e venire a contatto con i turisti: ecco perché scegliere il bed & breakfast per alloggiare rimane la soluzione migliore per incontrare facilmente autoctoni e discutere con loro di qualsiasi argomento, senza tabù. È anche possibile scegliere  tra vari alberghi in tutte le città che offrono solitamente degli ottimi servizi a prezzi accessibili.

15481 è il numero di offerte di sistemazione a Teheran che si può trovare sul sito Couchsurfing. Provate l’esperienza del “vivere dall’autoctono”: sarà il miglior modo per conoscere e incontrare gli Iraniani di oggi seguendo l’importante la tradizione iraniana dell’ ospitalità.

Proprio come un buon musulmano che deve andare alla Mecca, sembra che un buon viaggiatore debba passare attraverso l’ Iran.

Per Saeideh, Samereh, Shahin e le loro famiglie e amici.

scritto e foto scattate da Lucas

10




Facebook IconYouTube IconTwitter IconG+G+G+G+