1

Atlanta and Surroundings: Day 4, 7 & 8

Here we are, vacation’s coming to an end and I got to go back home, to class and to work. Piedmont is very active and vibrant in the fall so I’m actually very excited about to see what will happen. I’m stuck in the airport for 9 never ending hours so I got some time to update you.
*****
Eccoci qua, la vacanza ormai è finita e tocca pure a me tornare a casa, all’università e al lavoro. “Brav, bamblina pi nen”. Giusto per entrare in mood Piemonte, autunno, sagre e mangiate. Mentre sono qui in aeroporto per 9 eterne ore di scalo quale modo migliore di far passare il tempo se non aggiornarvi.

La mattina del quarto giorno -suona come la Bibbia ma suona bene- decido di andare a vedere il Georgia Aquarium, sempre nella zona di downtown. Non che ne abbia proprio voglia di vedere un acquario ma me ne parlano tutti benissimo, “Il più grande acquario del mondo”, ed in più è incluso nel mio CityPass. Grande è grande, oserei dire anche enorme, ma i pesci? Dove sono i pesci?
Quattro pesci in croce, carini per carità, in queste gigantesche vasche con alghe e pietre in plastica, <<Eh, sa, se no bisogna pulire sempre!>> mi spiega un’addetta alle vasche, nemmeno l’acqua è acqua di mare, io non ci voglio credere. Le sale sono colorate e fantasiose ma bisogna camminare un sacco, fa un freddo cane e non vedo l’ora di uscire. Compreso nel CityPass c’è anche lo spettacolo dei delfini. Non ne ho mai visto uno, sono incuriosita. Lo show è eccezionale, a metà tra un musical e giochi di luci ed acqua. Rimango combattuta sul livello etico degli show con gli animali ma i delfini sembrano davvero divertirsi tanto quanto gli addestratori. 
Dopo pranzo, vado all’High Museum of Art in compagnia di Ashby. Il museo è ben pensato e ospita nella mostra temporanea il famoso quadro de “La ragazza con l’orecchino di perla”. L’ultimo piano è dedicato all’arte contemporanea e nonostante io non sia un’esperta in materia mi è piaciuto moltissimo. Siamo nell’area denominata midtown, una zona che in parte è business district e in parte area di locali notturni underground e hipster. Nei pressi del HIGH ci sono diversi centri culturali, tra cui il The Woodruff Art Center e l’Atlanta Symphony Orchestra.
La sera Kara è stravolta dalla giornata di lavoro e l’indomani la sveglia per lei suona alle 7 del mattino, quindi c’è un po’ di indecisione sul da farsi. Viene però invitata ad una festa in un club, l’Opera. Dopo all’incirca 15 secondi di riflessione si prende benissimo all’idea di andare io e lei a ballare e ci prepariamo. Lei prova tutti i miei vestiti, io i suoi, poi le scarpe, la trucco e via. È un bel momento, uno di quelli che io -da figlia unica- immagino siano i momenti tra sorelle. Siamo carichissime. Arriviamo sul posto, sembra uscito da un video di Jay-Z e Kanye West e tutte, ma proprio tutte, le ragazze ballano solo a colpi di twerk. Inizia il disagio, i tentativi di imparare a farlo e un sacco di risate per gli scarsi risultati.
Il 5° e il 6° giorno sono dedicati al Music Midtown Festival di cui vi parlerò nei prossimi post.
La domenica, dopo le fatiche del festival, in assenza di K, Ashby e Mike sono così gentili da accompagnarmi a fare un po’ di shopping dato che qui tutto costa meno e gli affari che si possono fare sono incredibili.
Il lunedì mattina K ha una bellissima idea e mi porta a fare hiking sulla “montagna” Kennesaw (si pronuncia [‘che-nne-sso] per davvero). Una delle cose che ci lega di più sono proprio le attività all’aperto ed il posto meritava d’essere visto. Mi sento una chiavica, ho un assoluto bisogno di ricominciare ad andare a correre -lo dico sempre e non lo faccio mai, un classico-.
Purtroppo, la mattinata finisce con la chiamata di Ashby che ci avverte di essere all’ospedale a causa di una “sospetta” appendicite e che ci sarebbe rimasta qualche giorno per accertamenti. Saltano, ovviamente, i programmi del pomeriggio e ne approfitto per riposare e pensare a come muovermi da sola durante la settimana dato che la casa nella quale siamo è in una zona un po’ distante dai mezzi ma immersa nel verde e molto bella.

*****
The fourth morning I decided to go at the Georgia Aquarium, always in downtown. I wasn’t very interested but everybody suggested me to not miss it, “It’s the largest aquarium in the world” they said and moreover it’s included in my CityPass. Big is big, I’d say that is huge actually but where are the fishes?
Not many fishes, not many kinds at least, enormous tanks with plastic seaweeds (algae) and stones, not even the water was seawater. I really didn’t like all that. Rooms were colorful and creative but I had to walk a lot, it was freakin’ freezing and I couldn’t wait to get out of there. Anyway, included in my ticket there was the dolphins show and I had never seen one before, so I was curious about it. The show was incredibly awesome, a mix between a musical and tricks of water and lights. I was beset by the ethics of shows with animals but dolphins seemed really amused just like their trainers.
After lunch time, I went to the High Museum of Art with Ashby. The museum is well done and it was hosting the picture of the “Girl with a pearl earring”. The third floor is all about contemporary art and even if I’m not an expert I really enjoyed. This is midtown, business district during the day and hipster area during the night. Close to the HIGH there are many points of interest, as The Woodruff Art Center and the Atlanta Symphony Orchestra.
Kara came home in the evening very tired and she had to wake up at 7 am the day after so we weren’t sure about what to do that night. She was invited to a party in the club called Opera. After 15 seconds of indecision, she was really excited about going clubbing with me and we started dressing up. She tried all my dresses, I tried hers, then the shoes, I put make up on her and we were ready to go. It was one of those moments of sisterhood that I always imagined as an only child. We were hyped up. When we got into the club, it seemed to be in a music video of Jay-Z and Kanye West where all the girls were twerking. I was trying so hard to learn but I just couldn’t, although we had a blast.
On Friday and Saturday I went to the Music Midtown Festival but I’ll talk about that in my next posts.
On Sunday, Ashby and Mike kindly brought me in a mall for a little bit of shopping because after the two days of festival we didn’t have any energy for something else and moreover because I could make great deals.
Monday morning Kara decided to surprise me : “Let’s go hiking to Kennesaw Mountain“. Passion for outdoor activities is one of those things that we share and the mountains where we went were worth it. I felt like wreck, I should go running -I always say it but I never do it, it’a an evergreen statement-.
Unfortunately, Ashby called during the morning saying she wasn’t feeling okay and she was going to the hospital. I felt so bad for her and we hoped it wasn’t too serious. I stayed home in the afternoon and I enjoyed some time to relax and to plan my week.
 
how do you make a gif at gickr.com

Keep In Touch With Me




Facebook IconYouTube IconTwitter IconG+G+G+G+